La Vitamina D

La vitamina D aiuta a migliorare l'assorbimento del calcio, tuttavia il 100% delle donne italiane non ne assume abbastanza
Il calcio assunto con la dieta viene assorbito a livello dell'intestino. Da lì tramite il sangue, raggiunge tutte le parti dell'organismo che ne hanno bisogno.
L'assorbimento intestinale del calcio è faciltato dalla vitamina D.
Se presente in quantità ottimali nel nostro organismo, la vitamina D può aumentare l'assorbimento del calcio fino al al 30%.

Dove si prende?

Dal Cibo

Gli alimenti contenenti vitamina D non sono molti.Troviamo questa sostanza in pesci particolarmente grassi (per esempio salmone, aringa e sgombro), burro, uova, fegato e alcuni tipi di formaggi grassi.

Dal Sole

In seguito all'esposizione al sole, la nostra pelle è stimolata a produrre naturalmente vitamina D. Esporre al sole mani, braccia, faccia e gambe per 10-15 minuti al giorno è normalmente sufficiente per il fabbisogno di questa vitamina. Tuttavia, l'esposizione al sole deve essere diretta, infatti i raggi UV sono bloccati, ad esempio, dai vetri e dai filtri solari che utilizziamo per proteggere la nostra pelle quando ci esponiamo al sole.
Durante la stagione invernale e negli anziani la produzione di vitamina D è talvolta limitata e quindi insufficiente a raggiungere i livelli raccomandati. In questi casi può essere necessaria un'integrazione.
** Fonte: Studio INN-CA 1994-96, INRAN, Roma, Italia
Livelli di assunzione giornalieri raccomandati di Vitamina D
Fonte: Livelli di Assunzione Giornalieri Raccomandati di Nutrienti
(L.A.R.N.) - Società Italiana Di Nutrizione Umana, Revisione 1996

* Per coprire tali fabbisogni potrà talvolta essere conveniente consumare alimenti fortificati o completare l'apporto dietetico con una supplementazione.